Gli alimenti da evitare per un addome piatto

 In Alimentazione
trainup-alimenti-pancia-gonfia-addome-piatto

Quali sono gli alimenti sconsigliati per chi tende a gonfiarsi, gli abbinamenti più indicati e il training per potenziare la zona addominale

Qualche tempo fa la fitness influencer e bodybuilder Michelle Middleton ha postato su Instagram una foto in cui si faceva davvero fatica a riconoscerla. Il suo addome, di solito piatto e con i muscoli ben definiti, era così gonfio da sembrare quello di un’altra persona. O di Michelle Middleton, ma alla fine di una maratona semestrale di cene natalizie.

banner-5

Si tratta di cibi che, a causa dei processi chimici e metabolici che si innescano durante la digestione, tendono a fermentare rilasciando quasi istantaneamente gas.

I cibi che possono farci gonfiare nel giro di pochi minuti

Michelle non era passata attraverso una sessione di abbuffate. Il suo ventre aveva assunto quell’aspetto in pochi minuti, a causa di alcuni alimenti particolarmente “pericolosi”. I responsabili sono latticini e carboidrati, in primis quelli a base di grano e i lievitati. Poi, ovviamente, i legumi e le verdure crucifere come il cavolfiore, i cavolini di Bruxelles e i broccoli. Ma la lista comprende anche degli insospettabili come sedano,asparagi, mais, pere e mele.

Si tratta di cibi che, a causa dei processi chimici e metabolici che si innescano durante la digestione, tendono a “fermentare” rilasciando quasi istantaneamente gas. Una situazione non solo antiestetica, ma spesso anche dolorosa.

Un diario alimentare per capire dove rimediare

Non tutti hanno lo stesso tipo di sensibilità a un alimento, e questo è un bene perché escludere tutti i cibi citati riduce drasticamente la varietà della dieta e può portare a privarsi di nutrienti essenziali per il nostro benessere.
La cosa migliore da fare è tenere un diario alimentare in cui segnare, per almeno una settimana, tutto quello che si mangia e come ci si sente nelle ore successive. Molto probabilmente l’elenco dei prodotti da evitare si ridurrà a due o tre.

la carne rallenta il processo digestivo attenuando alcuni dei suoi effetti più sgradevoli.

Saper scegliere, ma anche saper abbinare

Questo è un trucco da insider: esiste la possibilità di ridurre gli effetti negativi di un alimento semplicemente scegliendo con attenzione a cosa abbinarlo. Il migliore alleato è la carne magra, in particolare pollo e vitello. Sicuramente ti sarai accorta infatti che una pizza con la mozzarella ti gonfia decisamente più di una fettina di vitello alla pizzaiola, nonostante in entrambe sia presente la combo pomodoro e mozzarella, che è una delle cause principali del gonfiore.

Questo dipende dal fatto che la carne rallenta il processo digestivo attenuando alcuni dei suoi effetti più sgradevoli. Viceversa, le graminacee lievitate vengono metabolizzate molto velocemente favorendo il gonfiore.

Addome e respirazione

Forse non lo sapevi, ma i fenomeni di gonfiore addominale possono dipendere anche da una cattiva respirazione. Certo, respirare è un atto automatico, ma questo non significa che tutti respiriamo in modo corretto e consapevole.

Stanchezza e cattivo umore, pelle spenta e difficoltà a dormire bene sono tutti indici di una cattiva respirazione. Per fortuna ci sono discipline, come lo yoga e il pilates, in cui la respirazione è una parte fondamentale dell’allenamento, e bastano poche lezioni per imparare a respirare bene automaticamente. Se sei indecisa su cosa scegliere, vuoi provare una lezione o sapere qual è il centro più vicino a te, puoi scaricare l’app di TrainUp. Ti basta inserire il luogo e l’ora che ti sono più comodi per trovare diverse opzioni, dai personal trainer ai centri specializzati.

E ora, pronta a partire con il progetto pancia piatta?

banner-5
Recent Posts